La mia foto

Dopo tanto lavoro, finalmente posso dedicarmi a quello che da sempre avrei voluto fare. Tuffarmi nel mondo della finanza, dell'economia e del trading. Lo studio è quello che più mi gratifica, dopo che la vita m'aveva portato verso altri lidi. Il mio impegno è costante e grazie ad internet sto cercando di carpire metodi consoni a questa mia nuova attività.

chart

chart

Calendario Economico fornito da Forex Pros - Il Portale di Trading sul Forex.

venerdì 9 dicembre 2011

Perché la BCE si rifiuta di essere un prestatore di ultima istanza.


Per l'euro è una questione di settimane per salvare se stesso e con diverse istituzioni si sta preparando per il suo collasso. 
Detto questo, perché la BCE continua a rifiutarsi di salvare l'Europa e i paesi fortemente indebitati? Questo articolo fornisce una spiegazione. Si dice che la BCE possa ben comportarsi razionalmente, ma aggiunge che tale comportamento è anche sciocco e pericoloso.


Un certo numero di analisti chiedono alla BCE di agire come prestatore di ultima istanza nel mercato dei titoli di Stato della zona euro (si veda ad esempio Wyplosz 2011 su questo sito). Fino ad
ora ha resistito. Ma perché la BCE si rifiutano di assumere il ruolo di acquirente di ultima istanza?

Una razionale, non dogmatica spiegazione

Ecco una possibile spiegazione che ha il merito di essere basata su un comportamento razionale. Altre spiegazioni che sono state popolari sono basate sulla convinzione che le persone di decidere su questo problema sono guidate dal pensiero dogmatico impedendo loro di vedere la necessità di agire. Questo potrebbe essere, ma rimane interessante cercare di spiegare il comportamento della BCE, assumendo che la sua decision-maker si comporta razionalmente.
Quando una banca centrale è chiamata ad essere il prestatore di ultima istanza, deve valutare costi e benefici delle proprie azioni. Cerchiamo di riformulare il problema in termini di costi e benefici dell'azione, cioè quella di non fornire il servizio di ultima istanza di acquisto.

Perché le banche centrali agiscono come compratori di ultima istanza per le banche

L'immagine della banca centrale di fronte ad una crisi bancaria. (Più tardi faremo la stessa analisi per il caso del mercato dei titoli di Stato.)
  • Il costo dell'inazione nasce dal rischio che l'inazione porterà ad un collasso del sistema bancario.
Se quest'ultimo crolla la banca centrale risulterà probabilmente responsabile di questo.
  • Il vantaggio di un mancato intervento è quello di evitare futuri rischi di moral hazard che è vantaggioso per il mantenimento di un sistema bancario stabile nel lungo periodo.
Nel valutare costi e benefici, l'orizzonte temporale su cui questi costi e benefici materializzano ha una grande importanza.
  • Quando la banca centrale deve affrontare una crisi bancaria il costo dell'inazione è probabile che sia realizzata molto rapidamente.
Quando le banche sono vicine al collasso, il costo di non fornire il creditore di ultima istanza è quasi istantaneo. Questo ha a che fare con il fatto che le passività delle banche in genere hanno scadenze molto brevi (depositi a vista, depositi interbancari).
  • I vantaggi di inazione, tuttavia, saranno realizzati in futuro, forse in un futuro remoto.
E' anche probabile che solo gli eredi raccoglieranno i benefici, e potrebbero anche non essere consapevoli di questo.

Tempi asimmetrici dei costi e benefici

Questa asimmetria nella tempistica della realizzazione dei costi e dei benefici è lunga da spiegare anche perché la banca centrale più conservatrice è probabile che voglia evitare i costi immediati (collasso del sistema bancario), anche a costo di scontare i benefici futuri, seppur molto grandi. Questa asimmetria spiega perché la BCE non ha esitato un momento a fornire ultima istanza supporto acquirente a banche zona euro nel 2008, nonostante il fatto che così facendo ha creato rischio di moral hazard in futuro.

E sui mercati dei titoli di Stato?

Ora possiamo applicare questa analisi costi/benefici per il mercato dei titoli di Stato. Qui abbiamo una notevole differenza rispetto al settore bancario. La crisi del debito sovrano si verifica a passo di lumaca rispetto alle crisi bancarie. Quando gli investitori vendono i titoli di Stato e spingere verso l'alto il tasso di interesse, influenzano il costo del denaro di governi con un certo ritardo a causa della scadenza delle obbligazioni in media 5-7 anni. Di conseguenza, non vi è la minaccia imminente di un crollo rapido in quanto vi è una crisi bancaria.
Il risultato è che quando la banca centrale deve affrontare una crisi del debito sovrano della mancanza di immediato pericolo ha l'effetto una banca centrale conservatice, come la BCE, che darà più peso ai benefici di lungo termine per ridurre il moral hazard. La banca centrale quindi attende molto più tempo per prendere provvedimenti.
Si noti che questo non significa che il rischio di azzardo morale è più importante nei mercati delle obbligazioni sovrane rispetto al settore bancario. I banchieri hanno le stesse probabilità di prendere ulteriori rischi quando sanno che in tempi di crisi la banca centrale fornisce liquidità, visti i problemi dei governi. Inoltre, non c'è ragione di credere che i rischi che i banchieri assumono sono meno pericolosi del rischio assunto dai governi. L'unica differenza è che l'imminenza di un collasso è più alto nel corso di una crisi bancaria che durante una crisi del debito sovrano. Di conseguenza,possiamo sostenere che una banca centrale è in grado di ridurre il peso sul rischio di un azzardo morale.

Una prevedibile azione

La precedente analisi mi porta alla seguente previsione.
  • La BCE agirà solo quando il costo dell'inazione è immediato e chiaro.
Di conseguenza, la BCE è probabile che attenda che la crisi del debito sovrano, sia degenerata in una vera e propria crisi bancaria.
  • Non ci può essere dubbio che la crisi del debito sovrano porterà ad una crisi bancaria.
La ragione è che il continuo declino dei prezzi delle obbligazioni sovrane martellino i bilanci delle banche a tal punto che le perdite diventeranno insopportabili.
Inoltre, le crisi del debito sovrano porta a problemi di finanziamento per le banche e il rischio di essere tagliate fuori dal mercato interbancario. Quindi c'è un momento in cui la crisi del debito sovrano innescherà inevitabilmente una crisi bancaria. Questo sarà il momento in cui i tempi asimmetrici tra costi e benefici sarà tale, che la BCE vedrà la necessità di essere un prestatore di ultima istanza. Solo allora la BCE arriverà all'azione.

Osservazioni conclusive

Tutto questo è abbastanza deprimente per due ragioni.
  • In primo luogo, la quantità di liquidità della BCE dovranno iniettare nel sistema bancario rischia di essere superiore all'importo che è necessario per stabilizzare i mercati dei titoli di Stato.
Questa affermazione si basa su un semplice fatto. Il totale delle passività delle banche dell'Eurozona sono tre volte maggiori delle passività dei governi dell'Eurozona (DeGrauwe 2011).
  • In secondo luogo, la crisi bancaria potrà anche innescare una recessione profonda e di lunga durata (vedi Reinhart e Rogoff 2009).
Tutto questo potrebbe alla fine mettere in pericolo la stessa zona euro.  fonte

Paul De Grauve...professore di economia internazionale, Università di Lovanio, membro del gruppo di analisi della politica economica, consigliere del presidente della Commissione europea Manuel Barroso, ed ex membro del parlamento belga.